Orari SS. Messe

Domenica e festivi: h.9.00 - 10.30 -12.00

Feriali (escluso lunedì) e prefestivi: h. 18.30

Nella cappella in Via Sestriere 32/a:
domenica ore 10,00 (no luglio e agosto)

........:
.

==================

il nostro simbolo

==================

La liturgia di oggi

==================
===================

===================

===================

NEWSLETTER


===================

Area Riservata

===================

Signore, mostrami il tuo volto!

“Cercare il volto” del Signore è, nello sviluppo del pensiero del Salmo 27, entrare in rapporto col Signore, porsi sotto la sua protezione, ma anche essere fedeli al suo servizio, dargli la preferenza del nostro interesse.

Il volto di Dio è da sempre la cosa che l’uomo maggiormente desidera vedere.

In passato l’espressione “vedere il volto di Dio” aveva il significato di cercare aiuto, ma in seguito introduce all’intimità dei sentimenti della persona.

Per l’uomo il volto di Dio è motivo non solo di grande desiderio, ma anche di timore. Cercare il suo volto è impegnativo perchè esige disponibilità totale al suo servizio, ed è pericoloso perchè espone l’uomo peccatore ai rimproveri del Dio fedele, giusto, perfetto.

La fraternità di Gesù si manifesta però non solo nel soffrire accanto a noi: egli, che ha sofferto solitudine, è la risposta di Dio alla nostra solitudine. In Lui Dio ha esaudito l’antica preghiera “non nascondermi il tuo volto”; da quando egli è entrato nella storia umana la ricerca del volto di Dio ha intrapreso un nuovo corso. Il volto di Gesù è il volto umano di Dio che permette all’uomo di sentirsi meno solo.

Il credente che si pone davanti all’immagine sindonica porta in sé l’anelito a contemplare il volto del Signore. Ma quale spavento nel posare lo sguardo su quel volto, che sembra la realizzazione della profezia antica: “Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per provare in lui diletto” (Is 53,2).

S. Paolo paragona il suo annuncio a quello di Mosé e afferma che la sua parola… non richiede più il ricorso del velo perchè i nostri stessi volti vengono trasformati e resi splendenti dallo splendore stesso di Cristo.

Lo stesso volto di colui che ha accolto la parola è diventato radioso e capace di irradiare lo splendore del volto di Cristo.

(da Icone. Il mistero del volto di Cristo, a cura di Sania Crukova, catalogo mostra 2007)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>