Orari SS. Messe

Domenica e festivi:
h.9.00 - 10.30 - 12,00
Prefestiva Sabato ore 18,30

Feriali (escluso lunedì e sabato): h. 8.00

Nella cappella in Via Sestriere 32/a: domenica ore 10,00.

--------------------------------
Prenotazione posto per Famiglie per la Messa domenica ore 12,00.
-------------------------------

==================

COVID-19 – Precauzioni in Parrocchia

===================

il nostro simbolo

==================

La Liturgia di oggi

===================

===================

NEWSLETTER


===================
===================

Area Riservata

===================

Via Crucis per la preghiera in famiglia

In questa Quaresima da vivere ancora “distanti”, vi propongo una traccia per la Via Crucis per la preghiera personale o in famiglia, adatta (ma non solo) per i venerdì della Quaresima.

Il testo è scaricabile in formato pdf —> Via Crucis 2021

la Via Crucis è guidata da Don Paolo ——> AUDIO Via Crucis

TESSITORE DI FRATERNITÀ: IL VESTITO DI GESÙ

Tratto liberamente da “Tessitori Di Fraternità”, Quaresima di Fraternità 2021, a cura dell’ufficio missionario arcidiocesi di Torino e diocesi di Susa supplemento al n. 7 de “La Voce e il Tempo” 14/02/2021

Ricordando le ultime ore di Gesù, contempliamo in Lui il “tessitore di fraternità”: Egli è Colui che con il suo gesto di amore si è svestito della sua onnipotenza per rivestire la nostra debolezza. Egli è Colui che ci ha rivestiti delle sue vesti, perché potessimo vivere da creature nuove.

 Canto: O Cristo, tu regnerai, o Croce tu ci salverai

 Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

In questo momento di preghiera, desideriamo accompagnare Gesù sulla via che conduce alla Croce. Noi cammineremo sulle sue orme, seguendo le tracce del suo vestito: una tunica bella e senza cuciture che Gesù aveva ricevuto in dono. Come Isacco, anche Gesù indossava una tunica preziosa, segno dell’amore e della predilezione di Dio per ciascuno dei suoi figli. I suoi nemici gliela strapperanno via e la ruberanno, ma Gesù ne tesserà una nuova, ancora più bella e splendente: una tunica che, dopo la sua risurrezione, ha donato anche a noi, nel giorno del nostro battesimo.

PRIMA STAZIONE: GESÙ È CONDANNATO E IL SOMMO SACERDOTE SI STRACCIA LE VESTI

Guida : Ascoltiamo la parola di Gesù dal vangelo secondo Matteo

Lettore 1: Quelli che avevano arrestato Gesù lo condussero dal sommo sacerdote Caifa, presso il quale si erano riuniti gli scribi e gli anziani. I capi dei sacerdoti e tutto il sinedrio cercavano una falsa testimonianza contro Gesù, per metterlo a morte; ma non la trovarono, sebbene si fossero presentati molti falsi testimoni. Finalmente se ne presentarono due, che affermarono:

Lettore 2:“Costui ha dichiarato: ‘Posso distruggere il tempio di Dio e ricostruirlo in tre giorni’“.

Lettore 1: Il sommo sacerdote si alzò e gli disse:

Lettore 2: “Non rispondi nulla? Che cosa testimoniano costoro contro di te?”.

Lettore 1: Ma Gesù taceva. Allora il sommo sacerdote gli disse:

Lettore 2: “Ti scongiuro, per il Dio vivente, di dirci se sei tu il Cristo, il Figlio di Dio”. “Tu l’hai detto”, gli rispose Gesù .

Lettore 1: Allora il sommo sacerdote si stracciò le vesti dicendo:

Lettore 2: “Ha bestemmiato! Che bisogno abbiamo ancora di testimoni?”.

Lettore 1: E quelli risposero:

Lettore 2: “È reo di morte!”

Preghiera: Signore, noi ti preghiamo per i cristiani che vengono perseguitati e per tutte le persone che subiscono ingiustizie.

Padre nostro

Canto

SECONDA STAZIONE: GESÙ VIENE CARICATO DELLA CROCE E RIVESTITO DI UN MANTELLO ROSSO

Guida: Ascoltiamo la parola di Gesù dal vangelo secondo Marco

Lettore 1: I soldati lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la truppa. Lo vestirono di porpora, intrecciarono una corona di spine e gliela misero attorno al capo. Poi presero a salutarlo:

Lettore 2: “Salve, re dei Giudei!”.

Lettore 1: Gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano davanti a lui. Dopo essersi fatti beffe di lui, lo spogliarono della porpora e gli fecero indossare le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo.

Preghiera: Gesù, i soldati ti insultano, ti percuotono, poi ti tolgono il vestito che indossavi nei giorni di festa. Ma tu davanti a loro resti in silenzio e non ti difendi. Noi ti preghiamo per quanti sono violenti e fanno del male ai più deboli e indifesi.

Padre nostro

Canto

TERZA STAZIONE: VERONICA ASCIUGA IL VOLTO DI GESÙ

Guida: Ascoltiamo la parola di Gesù dal vangelo secondo Luca

Lettore 1: Mentre Gesù portava la Croce, lo seguiva una grande moltitudine di popolo e di donne, che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse:

Lettore 2: “Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli”.

Preghiera: Gesù, mentre cammini verso il Calvario ti segue tanta folla. Un piccolo gesto di affetto è per te una grande consolazione: una donna asciuga il tuo volto e, su quel lino, si imprime la tua immagine. Noi ti preghiamo per quanti sono poveri e disprezzati. Fa’ che ogni volta che compiamo un gesto di amore, anche piccolo, assomigliamo un po’anche a te, buono e misericordioso.

Padre nostro –

Canto

QUARTA STAZIONE: GESÙ È SPOGLIATO DELLE SUE VESTI E CROCIFISSO

Guida: Ascoltiamo la parola di Gesù dal vangelo secondo Marco

Lettore 1: Condussero Gesù al luogo del Gòlgota, che significa “Luogo del cranio”,e gli davano 56 dF vino mescolato con mirra, ma egli non ne prese. Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse ciò che ognuno avrebbe preso. Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. La scritta con il motivo della sua condanna diceva: “Il re dei Giudei”. Con lui crocifissero anche due ladroni, uno a destra e uno alla sua sinistra.

Preghiera: Avevi un vestito bello, un dono, come quello che Giacobbe regalò a suo figlio Isacco come segno del suo amore. Anche a Te Dio ha regalato un vestito, l’abito della nostra umanità. E tu ti lasci spogliare, ti lasci umiliare. Noi ti preghiamo, per quanti non hanno più nulla, per quanti hanno perso anche la dignità, per quelli che hanno perso il lavoro o la propria famiglia. Vieni a rivestirci tutti del tuo amore e della tua compassione.

Padre nostro

Canto

QUINTA STAZIONE: GESÙ MUORE IN CROCE E IL VELO DEL TEMPIO SI SQUARCIA

Guida: Ascoltiamo la parola di Gesù dal vangelo secondo Marco

Lettore 1: Quando fu mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Alle tre, Gesù gridò a gran voce:

Lettore 2: “Eloì, Eloì, lemà sabactàni?“, che significa: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?“.

Lettore 1: Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano:

Lettore 2:“Ecco,chiama Elia!”.

Lettore 1: Uno corse a inzuppare di aceto una spugna, la fissò su una canna e gli dava da bere, dicendo: “Aspettate, vediamo se viene Elia a farlo scendere”. Ma Gesù, dando un forte grido, spirò.

Il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo. Il centurione, che si trovava di fronte a lui, avendolo visto spirare in quel modo, disse:

Lettore 2: “Davvero quest’uomo era Figlio di Dio!”.

Preghiera: Gesù, ora sei solo in Croce, nessuno è lì con te e, mentre muori, invochi il Padre. Tutto sembra finito, anche il mondo, ma non è così. Ti preghiamo, non permettere che la disperazione o gli avvenimenti spaventosi della vita possano oscurare il nostro cuore. Non permettere che la paura vinca sulla speranza, perché tu sei sempre con noi.

Padre nostro

Canto

SESTA STAZIONE: GESÙ È AVVOLTO NEL LENZUOLO E DEPOSTO NEL SEPOLCRO

Guida: Ascoltiamo la parola di Gesù dal Vangelo secondo Giovanni

Lettore 1: Giuseppe di Arimatea, che era discepolo di Gesù, ma di nascosto, per timore dei Giudei, chiese a Pilato di prendere il corpo di Gesù. Pilato lo concesse. Allora egli andò e prese il corpo di Gesù. Vi andò anche Nicodèmo – quello che in precedenza era andato da lui di notte – e portò circa trenta chili di una mistura di mirra e di àloe. Essi presero allora il corpo di Gesù e lo avvolsero con teli, insieme ad aromi, come usano fare i Giudei per preparare la sepoltura.

Preghiera: Gesù, ti avevano spogliato del tuo vestito prezioso ma ora, dopo la tua morte, Giuseppe di Arimatea te ne dona uno nuovo: un lino candido e profumato con cui avvolgere il tuo corpo. Su quel lenzuolo tu imprimi i segni della tua passione. Non sono solo segni di violenza, ma anche segni del tuo amore per noi. In quel lenzuolo, Signore, avvolgi anche i nostri cuori che si rivolgono a te, nella memoria della tua Passione.

Padre nostro

Canto

Guida: Abbiamo camminato sulle orme di Gesù, seguendo le tracce del suo vestito. Siamo pronti anche noi a indossare la tunica preziosa del suo amore per rivestirci dell’abito della fede, della speranza, della carità.

Il segno di croce che tracciamo sul nostro corpo ci unisca ai segni dell’amore tracciati sul corpo di Gesù.

La tua benedizione di Padre, Figlio e Spirito Santo discenda su di noi e con noi rimanga sempre. Amen

.

.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>