Orari SS. Messe

Domenica e festivi:
h.9.00 - 10,30 - 12,00
Prefestiva Sabato ore 18,30

Feriali (escluso lunedì e sabato): h. 8.00

Nella cappella in Via Sestriere 32/a: domenica ore 10,00 (escluso da maggio a settembre)

CONFESSIONI. contattare direttamente il parroco

================

===================

il nostro simbolo

==================
===================

La Liturgia di oggi

===================

===================

NEWSLETTER


===================

Area Riservata

===================

COVID-19 – Precauzioni in Parrocchia

Ho ardentemente desiderato mangiare questa Pasqua con voi

lettera vescovo pasqua 2013Il  messaggio pasquale 2013 dell’Arcivescovo dal titolo «Ho ardentemente desiderato mangiare questa Pasqua con voi» è un invito a vivere la Pasqua guardando a Gesù che vuole condividere l’ultima cena con i discepoli, nel segno della speranza.

Carissimi,

nell’Anno della fede che stiamo celebrando ritroviamo le radici di quel dono di grazia che nel Battesimo ci ha resi figli di Dio e ci ha donato in Gesù l’Amico, il Salvatore e il Signore della nostra vita. Per questo, la Pasqua, che è il cuore dell’evento meraviglioso della salvezza, deve portare nelle nostre case, malgrado tante difficoltà e fatiche che stiamo vivendo, la certa speranza che con il Signore tutto è possibile e niente deve spaventarci. Egli c’è e siede con noi a tavola quando con spirito fraterno ci incontriamo nelle nostre case…….

Fra tutte queste tavole, ce n’è una che resta la più importante e che segna la vita della Chiesa e di ogni credente: è l’Ultima cena a Gerusalemme prima della Pasqua di Gesù……L’intenso desiderio di Gesù di mangiare la Pasqua con i suoi è stato accolto dalla Chiesa, che lo rinnova sempre di domenica in domenica, durante tutto l’anno, e mai è venuta meno a questo impegno…….La celebrazione eucaristica festiva è un impegno e un dovere primario per ogni cristiano, ma lo è in modo del tutto particolare per i genitori, che sono chiamati a testimoniare ai figli l’importanza della Messa domenicale con la loro viva partecipazione…….

…………………………………………

Cari amici, buona Pasqua! Al termine della Messa, il sacerdote congeda l’assemblea dicendo: ” La Messa è finita, andate in pace”. Messa significa Mandato Missionario e indica che l’Eucaristia non è un rito per iniziati, chiuso nelle chiese, ma una consegna che il Signore rinnova alla sua comunità: fare memoria della sua Pasqua portando la sua Presenza di risorto nel tessuto concreto della vita quotidiana. «Andate in pace» significa andate nelle vostre case e in ogni ambiente di vita e di lavoro e siate portatori di quella pace che è Cristo risorto, del suo perdono e riconciliazione da cui nascono l’unità e la comunione in famiglia e nel mondo.  

BUONA PASQUA, dunque a voi che siete assidui nel celebrare con gioia la risurrezione del Signore, e a quanti forse proprio perché è Pasqua ritornano a incontrare il Signore nella comunità.

BUONA PASQUA anche a chi sta perdendo la speranza di affrontare e risolvere i suoi problemi e può ritrovare in Cristo la forza di non arrendersi mai alle cose impossibili, perché tutte le morti che ha nel cuore possono essere vinte dalla fede nella risurrezione del Signore. 

BUONA PASQUA ai tanti giovani e ragazzi che, delusi dalla vita scialba e senza senso, cercano la fuga dalle responsabilità e dagli impegni che invece la rendono bella e riuscita quando si scommette sul futuro con Gesù, il vincitore perfino della morte. 

BUONA PASQUA a tante famiglie che soffrono a causa della situazione difficile del momento: il Signore sieda alla loro mensa e spezzi il pane del suo amore di Salvatore e di amico nella loro casa, per ridare slancio al loro amore e sbocco concreto ai loro progetti.

BUONA PASQUA ai tanti poveri e ultimi della nostra società, che in queste feste soffrono ancora di più la solitudine e l’abbandono, perché, come Cristo in croce, non si scoraggino e si affidino a Dio Padre nella certezza che le loro preghiere sono ascoltate ed esaudite. 

Vi ringrazio dell’ospitalità che mi avete offerto con amicizia. Ho potuto sostare alla vostra tavola per spezzare il pane della Parola di Dio e della fraternità amicale e serena con tutti i membri della vostra famiglia.

Dio vi benedica e nella Pasqua del suo Figlio vi conceda la sua Pace. 

Cesare Vescovo, padre e amico

 è possibile leggere e scaricare tutta la lettera direttamente dal sito della diocesi di Torino: Messaggio Vescovo

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>