Via Delleani 24

 
 
 
 

Chiesa in ristrutturazione.
S.Messe in salone e in via Sestriere 32 Palestra

Domenica e festivi: h.9.00 - 10.30 -12.00 presso Palestra Via Sestriere 32

Feriali (escluso lunedì) e prefestivi: h. 18.30 nel salone parrocchiale / atrio

Nella cappella in Via Sestriere 32/a:
domenica ore 9 -10,30 - 12

Confessioni:
domenica: ore 10-10,30 e 11,30 - 12.

==================

il nostro simbolo

==================

La liturgia di oggi

==================
===================

===================

La BIBBIA online

Categorie

===================

NEWSLETTER


===================

Area Riservata

===================

domenica 24:

la giornata a Movieland è stata bella, con una buona temperatura. Quasi tutti i ragazzi hanno provato tutti e 16 gli intrattenimenti e mangiato su un bel prato verde il loro pranzo al sacco (mentre tutti gli altri si accalcavano a fare code ai vari fast food…). Movieland è stata letteralmente invasa da un fiume di cappellini gialli che ha contribuito al colore del parco giochi. Hanno inoltre assistito ad uno spettacolo di stuntmen rappresentante John Rambo che lottava contro i russi per liberare gli ostaggi con rocambolesche acrobazie.

Dopo l’esilarante giornata al parco, il gruppo si è recato nella parrocchia di S. Zeno e Massimo a Lazise, dove è stata celebrata l’eucarestia. In seguito cena in tre pizzerie e quindi sistemazione nell’albergo S. Vito (camere triple e quadruple + bagno). Preghiera insieme e alle 22.30 tutti in camera.

 

lunedi 25:

Sveglia ore 7. Alle 7.30 abbondante colazione al self-service. Ore 8.30 ripartiti con il pulman e arrivati a San Martino di Castrozza dopo un viaggio estenuante circa alle ore 13. La giornata è stata inizialmente bella con sole. Dopo essersi sistemati in albergo su 2 piani (2° piano per i maschi e il 3° per le femmine – camere da 2-3-4 con bagno), il pranzo è stato consumato alle 13.30.

Il campo vero e proprio è iniziato nel pomeriggio nel salone riservato ai nostri. Lì gli animatori hanno spiegato le regole del campo e hanno diviso i ragazzi in squadre da 6-7 con 2 animatori ciascuno. A seguire preghiera e lavoro con don Paolo, il quale ha spiegato il titolo dei campi “Insieme pronti per cose grandi”, dove “Insieme” si intende con Gesù! Quindi la presentazione del personaggio che li guiderà: il giovane Giosuè, servitore di Mosé e poi il primo racconto (Es 14) relativo al passaggio nel mar Rosso.

Al termine, i ragazzi divisi in gruppo hanno iniziato a lavorare ricostruendo il racconto con la preparazione di varie attività (disegni, canzoni, drammatizzazioni) che avrebbero poi presentato agli altri. Tutti i lavori sono stati valutati con un numero di applausi: il gruppo più scarso ha ricevuto solo 2 applausi, due gruppi ne hanno guadagnati fino a 5 e tutti gli altri 4. Al termine preghiera e riflessione. Cena ore 20. Nel primo pomeriggio intanto il cielo si è coperto di nubi e ha iniziato a piovere.

La cena (ore 20) è stata vissuta in condivisione con il gruppo dei giovanissimi (nel frattempo arrivati in albergo), in una sala in comune con gli altri ospiti dell’albergo (famiglie di pensionati provenienti dalla Toscana), sebbene in uno spazio separato rispetto agli altri ospiti, che subiscono l’allegria rumorosa dei nostri… [precisiamo che l’ospitalità alberghiera non ha consentito la preparazione dei pasti alle mamme, le quali aiutano a servire ai tavoli e in altro, ma non cucinano].

Dopo cena (ore 21.30) la serata è stata nuovamente condivisa con i giovanissimi, ma animata dai nostri con scenette che sono state graditissime dai più grandi. Dopo la preghiera insieme, tutti in camera alle ore 23.

martedi 26:

7.30 sveglia. A seguire ginnastica con gli animatori e colazione alle ore 8.30. Alle 9.00 già di partenza per una breve camminata approfittando del tempo variabile (nubi e sole si sono alternati) con visita ad un biotopo, una bellissima oasi naturale nelle vicinanze. In uno spiazzo con vista hanno giocato e fatto merenda per poi rientrare in tempo per il pranzo.

Dopo pranzo si sono divisi in due gruppi: un gruppo è andato a giocare nel vicino palazzetto (sport vari: calcio, pallacanestro…), un altro si è dedicato a laboratori di manualità. I giochi all’esterno sono stati interrotti per la pioggia e il programma all’aperto previsto subito dopo  (grandi giochi delle ore 15.30)  è stato rimandato con una sosta-ballo in salone. Per fortuna poco dopo ha smesso di piovere e si è potuto uscire e tornare nello spiazzo della mattina per fare i giochi previsti. Sulla strada del ritorno ha ripreso a piovere, ma questo non ha impedito ai nostri di tornare sani e salvi, fare la doccia e catapultarsi a cena.

Dopo cena si è portata avanti l’attività non svolta nel pomeriggio (grande adattabilità dei nostri!), lavorando sul brano di vangelo della parabola degli invitati a nozze (Mt 22). Dopo il racconto di don Paolo, ogni gruppo ha rielaborato la storia con canzoni e drammatizzazioni ancora valutate con appalusi: 3 squadre ne hanno ricevuti 5, le altre 4. Al termine (attività dalle 21 alle 22.10) gli animatori hanno presentato la storia ispirata al film Stardust con diverse scenette in costume (che saranno suddivise nelle varie serate). Preghiera finale e conclusione del tutto alle ore 23. [gli animatori hanno pregato Compieta con don Paolo e poi discusso sulla gestione del brutto tempo per i giorni successivi] Alcuni problemi pre-notturni con chi non si convinceva ad andare a dormire (soprattutto alcune ragazzine), prima della quiete notturna.

mercoledi 27:

7.30 sveglia e poi ginnastica in salone con musica. Partenza con il sole per una nuova passeggiata in quota. Durante una sosta don Paolo ha loro raccontato l’episodio dell’invio di due spie a Gerico da parte di Giosuè e l’incontro con la prostituta Raab che li aiuta avendo sentito parlare dei prodigi nel Mar Rosso (Gs 2), poi purtroppo durante i giochi, puntuale, arriva la pioggia.

Dopo pranzo i ragazzi sono stati nuovamente divisi in due gruppi come ieri: al palazzetto per fare sport o in salone per i laboratori di manualità. Purtroppo a causa della pioggia il gruppo sportivo è rientrato presto e alle 15.30 sono iniziate le attività in salone. Don Paolo ha raccontato l’episodio della donna che lava i piedi di Gesù con le sue lacrime e che poi glieli asciuga con i capelli a casa del fariseo Simone (Lc 7). Le scenette dei bambini sono state preparate a partire da uno dei due brani a scelta raccontati nella giornata (solo una squadra ha ottenuto 5 applausi).

[precisiamo che la situazione in cucina nel frattempo è cambiata e si è trovato un accordo con l’albergo, che ha infine consentito alle nostre mamme la gestione dei pasti in maggiore autonomia sebbene in accordo con gli obblighi di legge a cui è tenuta la struttura alberghiera. E il lavoro non manca visto che sono solo in 4 e non in 5 come previsto all’inizio, prima di tutti gli inconvenienti causati dalla casa di Cavareno…]

Dopo cena (a base di polenta, spezzatino e salsiccia, frittelle di mele come dolce), i ragazzi hanno rappresentato le loro scenette senza concludere troppo tardi perchè già stanchi. Ore 23 tutti a nanna, a parte un po’ di lavoro degli animatori.

giovedi 28:

Inizio come sempre con ginnastica e colazione. Il cambiamento rispetto al solito è stato che a causa dell’assenza di don Paolo (il quale ha dovuto portare dal pediatra un ragazzino che si è slogato la caviglia), la preghiera e il racconto solitamente svolti all’aperto durante la camminata, sono invece stati fatti in salone (presa di Gerico con arca dell’alleanza – Gs 6). Dopodichè sono partiti e hanno raggiunto lo spiazzio nei pressi della stazione dell’ovovia, dove hanno giocato fino all’arrivo della pioggia (nel frattempo don Paolo li aveva raggiunti…) per arrivare in albergo in tempo per l’ora di pranzo.

Dopo pranzo a causa del maltempo non si sono divisi e si sono tutti dedicati ai laboratori di perline, collanine e scooby-doo (di cui l’albergo è ormai invaso) che pare piacciano moltissimo ai nostri che si agghindano in ogni modo con la “bigiotteria” di loro produzione… Al termine del laboratorio era anche finita la pioggia e i nostri sono finalmente usciti per una bella passeggiata nei boschi (+gioco “ghostbuster” in pineta), per rientrare nuovamente a causa di un nuovo scroscio di pioggia! A merenda nuovo giro di frittelle di mele che ieri sera hanno avuto grande successo.

Alle ore 18 racconto di don Paolo (il quale ha interrotto l’incontro contemporaneo con i giovanissimi) su Zaccheo e loro lavoro con scenette e canzoni. In parecchi hanno lavorato davvero bene (4 gruppi hanno ottenuto 5 applausi, di cui 3 hanno riadattato canzoni con testi “evangelici”: uno a partire da “Che bello èquando c’è tanta gente” di Jovanotti).

(nelle fotografie c’è anche la situazione di qualche stanza ieri mattina – i ragazzi stanno tutti bene, a parte qualche sbucciatura e mal di gola, ma almeno di usano anche i cerotti e il disinfettante…)

Cena con pasta al forno e budino alla vaniglia. Ore 21 serata insieme: la prima parte è stata animata dagli animatori con lo spettacolo da loro preparato a partire da Stardust e a seguire dal gruppo dei giovanissimi con musica e balli acrobatici (!). E’ stata una serata molto divertente e allegra, conclusasi con la preghiera insieme (pleonastico!). Infine Compieta per don Paolo e animatori.

venerdi 29:

gita tutto il giorno con pranzo al sacco ai laghi di Colbricon (1927 mt). (Don Paolo oggi è uscito in gita con il gruppo giovanissimi). All’arrivo pulizia delle camere e del salone assieme al gruppo dei grandi.

da una mail di Mauro delle ore 17.50:  “finalmente il sole (o quasi) e quindi gita lunga con pranzo al sacco verso i laghi di Colbiron, una passeggiata per giungere ai 1927 metri slm dei due laghi e dell’omonimo colle.

Dopo una prima parte nel bosco e la preghiera con vista sulle Pale di san Martino, la salita si fa più dura lunga la pista da sci. Rimanendo sulla tabella di marcia e percorrendo l’ultimo tratto su un piccolo sentiero abbiamo raggiunto i laghi in meno di 2,30 ore, soste e spuntino compresi. Il sole non ci accompagna più, ma riusciamo a mangiare pane, frittata, formaggio, prosciutto in riva al lago prima di fare ritorno a Malga Ces per un altro sentiero, più ripido (ma siamo in discesa) ma più corto. Come al solito ci accompagna la pioggia quotidiana, meno forte del solito che permette di giocare fino alle 17 prima di rientrare in albergo per preparare gli zaini, riassettare le camere e partecipare alla Messa di conclusione del campo prevista per le 18.

Per cena pizza preparata dalle mamme con la collaborazione del cuoco dell’albergo per infornare il tutto e il classico salame di cioccolato: ma questo i ragazzi non lo sanno ancora.

Tra le foto ve n’è una con tutto il gruppo Elementari e 1-2 media ai 1900 metri del Passo Colbiron sotto la pioggia e alle spalle le Pale di San Martino avvolte tra le nuvole”.

Ancora da Mauro (ore 22.45): “Durante la Messa Don Paolo ha ricordato che il campo, intitolato “Insieme per cose grandi” non deve finire qui, ma sarà servito alla crescita di tutti se porterà frutti nella vita quotidiana. Ha sottolineato l’importanza della preghiera quotidiana, come al campo, per iniziare e concludere la giornata con il Signore, la necessità di continuare nell’amicizia e nella vita attiva nella comunità parrocchiale (dai gruppi del sabato allo sport) e nell’amore verso il Signore. I ragazzi stanno ora concludendo con due serate.

Adesso vado a caricare il pulmino, anche perchè qui fuori, davanti all’ufficio informazioni, unico posto con la connessione internet gratuita, fa abbastanza freddo…

Rientro previsto a Torino in serata come da programma (non so a che ora, dipende anche dal traffico).

Ci sono nuove foto dei piccoli e della gita e dei Giovanissimi, che oggi sono andati oltre passo Rolle sul trekking del Cristo Pensante insieme a Don Paolo.”

news durante il viaggio da Fabio L: festeggiato il simpatico Alessandro (con un goloso salame al cioccolato: Matteo ha già l’acquolina, ma noi pure), la serata si è conclusa con lo spettacolo trainante del campo Stardust, che è piaciuto moltissimo a tutti i ragazzi. Al termine si è proceduto alla premiazione del vincitore dei tornei e qui è successa una cosa magica… il punteggio è stato a fagioli (!) che venivano aggiunti e sottratti in base ai risultati. Nei giorni è sorta una competizione sfrenata tra tutti per accaparrarsi l’alloro della vittoria, ma ieri i maschi si sono tutti messi d’accordo e hanno deciso di regalare i loro fagioli a Tommy (che mercoledi sera si è slogato una caviglia e che per questo non ha potuto partecipare ai giochi di movimento degli ultimi giorni e alla gita di ieri), il quale ha quindi vinto il premio in palio: il gioco da tavolo Twister. Mitici i nostri ragazzi!

sabato 30:

Stamattina sveglia prestissimo e alle ore 11.30-12 arrivo a Movieland, dove il tempo è stato bello (finalmente sole tutto il giorno!) e i nostri eroi hanno potuto scatenarsi in acqua. Lì sono stati divisi per gruppi di età per dirigersi alle più appropriate attrazioni (sul tema del fuoco, di cui una molto divertente e particolarmente gettonata è stata quella del vulcano Kà). Lo scopo della suddivisione in gruppi era dettata anche dalla difficoltà delle attrazioni, ma incredibilmente i più piccoli si sono rivelati molto meno fifoni dei più grandi e – sotto l’attento controllo dei loro animatori – si sono lanciati nei divertimenti più pericolosi… Tranquilli, ora sono tutti sani e salvi in pullman sulla strada del ritorno a casa.

partenza con mezz’ora di ritardo, ore 18. arrivo presunto ore 21-21.30

(e ora che l’avete scoperto il sito, non dimenticatevi di continuare a consultarlo: faremo di tutto per tenerlo sempre aggiornato, naturalmente a partire da settembre; dalla prossima settimana infatti ricomparirà in testa l’articolo “Chiuso per ferie”. Quindi buone vacanze a tutti e …alla prossima!)

[ringraziamo don Paolo e Mauro per il costante flusso di informazioni e per l’invio delle foto]

 

KPICASA_GALLERY(username:sbennyfoto,CampiEstiviElementariE12Media2011)

26 comments to Campi estivi elementari + 1a e 2a media – diario di bordo

  • Silvana (Cinotti Montacchini)

    Bellissimo! Complimenti per l’idea di raccontarci ogni giorno le avventure dei ragazzi.

  • Adriana (Di Nunno Ruggiero)

    Davvero una bella idea quella del diario di viaggio !
    Complimenti !
    Solo una domanda : ma dove trovate il tempo per scrivere ?

  • Gisella (Dogliotti-Palma)

    Grazie per la realizzazione del “diario di bordo” : fantastico vedere i ragazzi all’opera incorniciati da quei luoghi meravigliosi, sapendo esattamente, quasi in tempo reale,cosa stanno facendo.
    Voto:un applauso lunghissimo con lode!!!

  • roberta

    Complimenti a don Paolo per tutta l’organizzazione!!!!!

  • Beatrice Rizzardi

    Grazie! Splendida l’idea del diario di bordo, splendide le foto, splendidi tutti voi che vi prendete cura dei nostri ragazzi aiutandoli a crescere. Grazie!

  • giuliana

    riguardo l’organizzazione i complimenti meglio evitarli per come la pensiamo noi vecchi della parrocchia…albergo a tre stelle con tv in camera e bagno con phon..per noi i campi parrocchiali sono tutt’altra cosa, sono camerate in case alpine, sono cucine da campo costruite dai ragazzi senza mamme che cucinano per loro, sono campeggi, sono imparare a lavare i piatti, preparare la colazione a turno, pulire i bagni e crescere anche in queste cose… riguardo al diario bella idea, riguardo il posto meraviglioso… complimenti agli animatori che hanno lavorato tanto!

  • admin

    Il campo dei giovanissimi è stato “agganciato” a quello dei piccoli per le ragioni di necessità che noi tutti conosciamo (la maggioranza degli animatori quest’anno ha avuto l’esame di maturità e avendo un solo parroco…)
    Come emerge nel diario, i più grandi fanno vita separata e stazionano in albergo solo lo stretto necessario.
    Inoltre nel campo delle elementari e medie ci sono sempre state mamme cuoche anche ai tempi storici (le nonne di oggi, basta chiedere un po’ in giro).
    Infine le difficoltà organizzative fanno parte dell’esperienza di vita di tutti i giorni e purtroppo neanche le parrocchie ne sono esenti.

  • gisella

    Sono andata ai campi dai tempi storici della Parrocchia negozio,e, mi ricordo bene con quale spirito si partiva per i campi e qual era l’intento educativo.L’adattarsi ad una sistemazione alberghiera (ripiego di emergenza che il Don ha dovuto affrontare)e non la tenda o l’isola felice di una casa alpina,rende sicuramente il compito degli educatori ancora più arduo in un ambiente moderno che distolglie lo spirito dall’essenziale cristiano.La collaborazione,la tolleranza,l’amore possono esserci anche se non si condivide la preparazione della colazione o simili.S. Martino di Castrozza è una delle mete + quotate e sinceramente non capisco la critica….
    Ciao a tutti
    P.S. qualcuno cucinava e mi ricordo di ragazzi “biricchini” che andavano a rubare la marmellata…(chi se lo ricorda è vecchio come me!)

  • paola

    In un sito “democratico” come questo c’è posto per tutti i commenti, quindi anche per il mio.
    Parlo come mamma di un’animatrice,cresciuta,a mia volta, nei gruppi parrocchiali di un’altra parrocchia sempre in questa zona. Ovviamente allora (anni 70-80) la vita, le esigenze e le possibilità erano molto diverse e le esperienze fatte sarebbero improponibili oggi nelle stesse modalità; in compenso le finalità erano le stesse: aiutare i bambini e i giovani a crescere nella conoscenza e nell’amicizia reciproca, avendo Gesù come stella polare cui tendere e una comunità in cui sentirsi parte viva. A me pare che i campi estivi siano un’eccezionale opportunità offerta ogni anno e una “grazia”, affatto scontata, che si ripete grazie al lavoro, all’entusiasmo, all’impegno di tante persone (parroco, animatori, accompagnatori). Nonostante le difficoltà che sempre si presentano (quest’anno in maniera imprevedibile e pure all’ultimo momento!) i campi sono sicuramente un’esperienza unica che farà parte del bagaglio formativo e della memoria di ciascuno. Un grazie di cuore a quanti continuano ad impegnarsi e resistono alle critiche e agli insuccessi.

  • Silvana (Cinotti Montacchini)

    Io, che se non vecchia posso definirmi almeno “anziana” della Parrocchia, mi sento di condividere
    appieno quanto scritto da Paola e Gisella. Ricordiamoci che la finalità prima dei campi non dovrebbe essere la “scuola di vita” ma l’incontro con Gesù e con gli altri. Ben vengano, ove possibile l’essenzialità e lo spirito d’avventura (che anch’io ricordo con un sorriso), ma non facciamoli diventare più importanti dei valori di impegno e condivisione che il don, gli animatori e gli allenatori con la loro costante testimonianza sanno insegnare ogni giorno ai nostri ragazzi.
    Di nuovo grazie a tutti!

  • giuliana

    Ciao Gisella:
    la “critica”ricalca e condivide sostanzialmente quanto hai scritto tu nella prima parte del tuo commento:una sistemazione più “spartana” dove i ragazzi devono condividere non solo la spiritualità ma anche il lavoro di gruppo (pulizia campo, cucina, lavaggio pentole,aiuto nella preparazione dei pasti ecc.) secondo me contribuisce maggiormente alla formazione dei nostri ragazzi rispetto ad una sistemazione tipo villaggio Valtur…
    Non ho mai messo in discussione il posto che conosco molto bene: San Martino è un luogo magnifico come sono magnifiche tutte le Dolomiti.
    Tantomeno ho messo in discussione il lavoro e la simpatia degli animatori ragazzi in gamba che sanno cosa vogliono a cui va la mia simpatia e il mio appoggio. Cosi non discuto sulla spiritualità e sugli insegnamenti di don Paolo se no non avrei mandato le mie figlie ai campi (elementari e giovanissimi). Eugenio, mio marito, è stato uno dei primi animatori della parrocchia e anche uno dei ragazzi sorpresi a rubare in cucina. Ancora oggi ricorda e racconta della padellata ricevuta sulla mano da mamma Turrini (la mamma di una animatrice di allora) che lo attendeva al varco!

    Silvana: non ritengo la finalità dei campi la “scuola di vita” ma la ritengo una parte importante tanto quanto la parte spirituale per la formazione dei ragazzi:nutrire equamente corpo,spirito e testa per crescere forti! Se no la spiritualità rimane una gran bella teoria se non viene rafforzata con l’insegnamento dello spirito di squadra, del condividere un lavoro, dell’essere utile al tuo prossimo anche solo nel preparare per tutti una buona colazione, nell’abituarsi ad essere autonomi senza aspettare d’essere serviti, ma invece mettersi al servizio degli altri.
    La mia è una opinione, un commento, una critica se vi piace chiamarla cosi che mi sono permessa di esternare e come si suol dire anche le critiche posso essere costruttive se si sa con intelligenza accettarle e eventualmente rifletterci! Comunque vanno rispettate.
    Buona serata a tutti
    Giuliana

    • admin

      Approviamo in ritardo il commento ricevuto in risposta al dibattito sorto due giorni fa. L’intenzione iniziale era di chiudere con la vicenda perchè il sito di una parrocchia non ci sembra sia il luogo più opportuno per avviare discussioni e far sorgere polemiche. Lo spirito che anima noi tutti che lavoriamo al sito è quello di svolgere un servizio per il bene comune nella massima comunione e pace con tutti gli amici della parrocchia (e non solo). Confidiamo pertanto nel buonsenso di tutti perchè discussioni meno che pacifiche trovino uno spazio diverso.

      • Roberto

        Ringrazio tutti coloro che hanno svolto, svolgono, e si impegnano nel servizio del bene comune, in comunione e in pace con tutti gli amici della parrocchia.
        Concordo pienamente nel pensiero che il sito di una parrocchia non deve essere il luogo per avviare discussioni e far sorgere polemiche per vecchie nostalgie e ricordi di altri tempi, che qualcuno di noi ha.
        Per quanto io possa dire oggi, quello che principalmente rammento dei gruppi e dei campi è lo spirito, la ricerca di valori, la condivisione, l’amicizia delle persone (anche delle cuoche…); i campeggi, case, o alberghi che siano, fanno parte del contesto e rimangono un piacevole e secondario ricordo, e mi auguro che sia cosi anche per altri, o almeno per i miei bambini.

  • Gisella

    Dalle foto, da mamma, mi faccio una domanda: ma perchè mia figlia è tra i pochi calorosi sempre in maglietta? Gli altri hanno le felpe!!!!!
    Mistero…….

  • VOLPE 71

    Le montagne del trentino sono veramente fantastiche, e l’immersione nella natura sarà sicuramente appagante. Per l’anno prossimo suggerirei una crociera nei fiordi norvegesi.
    Ironia a parte, l’idea del web è veramente originale, utile e compensa l’assenza di comunicazione dei figli!!
    Grazie Mauro soprattutto per le foto!

  • Mimmo Gattuso

    …grazie dell’opportunità che date a noi genitori di poter sapere giornalmente come trascorrete la vacanza al campo!!Dalle foto deduco che state bene…buon proseguo!

  • Laura mamma di Teo il purty

    Complimenti!complimenti… ma a cosa servono i cellulari?? Grazie di farci avere notizie così precise e belle dei nostri bimbi , siete veramente Super!!!

  • Silvana (Cinotti Montacchini)

    In attesa di riabbracciare i nostri…EROI, grazie e buone vacanze a TUTTI!!!

  • Giancarlo

    Il diario è bellissimo e condivido le espressioni di plauso che colgo un pò in tutti i commenti. Un unico rammarico: i vari nonni non sono ancora entrati in numero congruo alla presenza dei nipotini. Forza nonni, partecipate anche voi al sito parrocchiale! Buon proseguimento a tutti.

    • admin

      Bravo Giancarlo! (a cui facciamo i nostri più cari auguri di buon compleanno)
      Fantastica proposta… aiutateci a spargere la voce!

  • Matteo (6 anni, fratello di Alberto)

    ciao a tutti
    le foto sono belle. Mi hanno fatto
    venire voglia di andare anche io ai campi il prossimo
    anno. Cosi’ mangio anche io il salame di cioccolato.

    • admin

      Sei già prenotato… e il salame di cioccolato è garantito! (mamme cuoche presenti e future: ricordatevene, non vogliamo mica deludere un futuro sanbenny!!)

  • Roberta

    Complimenti mitico TOMMY i tuoi genitori ti aspettano all’arrivo con le stampelle !!!!!

  • Giulia (Dudu, l'animatrice)

    Ho letto tutti i vostri commenti!! E’ stato un piacere vivere questa settimana con i vostri figli, abbiamo vissuto un’esperienza bellissima, in un posto davvero meraviglioso! Sicuramente la sistemazione ci ha creato numerosi problemi, che però, a mio avviso almeno, siamo stati in grado di gestire nel migliore dei modi, sia noi animatori, sia il Don e gli accompagnatori (GRAZIE!) !!
    Si è creato un gruppo molto unito e bello, che spero possa continuare a crescere insieme e che spero personalmente di riuscire a seguire ancora!!
    L’idea del Don è stata grande devo dire, perchè i bimbi credo si siano praticamente dimenticati di chiamarvi per quanto erano piene le nostre giornate!! 🙂
    Ora ci aspetta un meritato riposo e auguro a tutti, famiglie, bimbi e “colleghi” buone vacanze, ci rivediamo a settembre!!
    Un abbraccio grande
    Giulia (ora detta Dudu, grazie Ale!!!)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>