Orari SS. Messe

Domenica e festivi:
h.9.00 - 10.30 - 12,00
Prefestiva Sabato ore 18,30

Feriali (escluso lunedì e sabato): h. 8.00

Nella cappella in Via Sestriere 32/a: domenica ore 10,00.

--------------------------------
Prenotazione posto per Famiglie per la Messa domenica ore 12,00.
-------------------------------

==================

COVID-19 – Precauzioni in Parrocchia

===================

il nostro simbolo

==================

La Liturgia di oggi

===================

===================

NEWSLETTER


===================
===================

Area Riservata

===================

la gioia cristiana

 

La gratuità dell’amore, la gioia di amare senza calcoli e senza paura è in fin dei conti la gioia stessa di Dio. “Si è più beati nel dare che nel ricevere” (At 20,35). “Dio ama chi dona con gioia!” (2Cor 9,7)

Ferruccio Ceragioli, Anche i cagnolini…

 

 

All’origine della nostra tristezza, vi è l’incapacità di abbandonare il nostro dolore, e finiamo col proiettare addosso a Dio la nostra sofferenza. Se cerchiamo il crocifisso, sbagliamo indirizzo, egli è vivo.

Il dubbio è impedirci di gioire. Il dubbio e l’insicurezza ci fanno sentire “puzza di bruciato” da ogni parte e ci impediscono di convertirci alla gioia. Per essere felici, occorre una conversione alla fiducia, una fiducia ben riposta, una fiducia ragionevole.

 

Convertirsi alla gioia significa abbandonare le paure, riconoscerle e accettarle, scegliere di superarle. Convertirsi alla gioia significa smettere di pensare che Dio gradisca una devozione esteriore, sapendo che Dio, invece, ama me, con tutti i miei limiti. Convertirsi alla gioia significa sapere che Dio ha sempre fiducia in me, nonostante i miei tradimenti. La Chiesa, allora, è la prima a doversi convertire alla gioia del Nazareno, crocifisso e risorto.

Tommaso ha scoperto che la gioia cristiana è riconoscere nel dolore assunto da Dio un gesto d’amore e di condivisione. Fidandosi della comunità, Tommaso incontrerà il suo Signore e Dio.

 

La gioia cristiana, superamento della tristezza, nasce dalla consapevolezza che il Signore cammina con noi, ci svela il senso delle Scritture, spezza con noi il pane del cammino. Questo incontro è celebrato ogni domenica nelle nostre comunità, quando, in obbedienza all’invito del Maestro, ripetiamo l’ultima Cena.

La gioia cristiana è vivere nella pace, col cuore pacificato dal Risorto, attingere intelligenza dalle Scritture, diventare testimoni della concretezza del Signore, esattamente là dove siamo: la nostra grigia città è la dimora dell’Altissimo.

 

Appartenere ad una comunità, nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità, realizza il sogno di Dio e colma il cuore di gioia: la Chiesa diventa luogo che realizza il Regno di Dio.

 

La gioia cristiana è accettare i propri limiti, che non sono una gabbia, né una catena che ci impedisce di realizzare i nostri sogni, ma il luogo sicuro entro cui diventiamo capaci di amare.

 

Paolo Curtaz, Convertirsi alla gioia. Lettura “intrigante” dei racconti della resurrezione

[i passaggi riportati sono la conclusione dei vari capitoletti del libro; questo condensato di “gioia” è naturalmente apprezzabile in modo pieno solo leggendo il testo a cui rimandiamo: clicca qui per maggiori info]

 

 

1 comment to la gioia cristiana

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>